per una società senza più classi, guerra e sfruttamento

gennaio 20th, 2015 at 01:29

AL FIANCO DI EMILIO! SOLIDARIETA’ ALLE COMPAGNE E AI COMPAGNI DEL CSA DORDONI!

Domenica 18 gennaio 60 fascisti armati di spranghe e bastoni hanno assaltato il Dordoni di Cremona, riducendo un compagno in condizioni gravissime.

Questo vile attacco, come da copione, è stato protetto dagli sbirri che hanno agevolato la fuga dei fascisti caricando i compagni.

Questa vigliacca aggressione dimostra ancora una volta il ruolo storico di servi dei padroni svolto dagli squadristi.

I fatti di Cremona fanno seguito alle provocazioni avvenute contro gli studenti e i compagni a Firenze, Napoli, Roma, Trento, Verona ed in altre città d’Italia a danno di chi si mobilita e lotta contro questa società infame che si regge su guerra, sfruttamento e repressione.

Non è un caso che nell’attuale fase di crisi strutturale del sistema capitalista, questi infami trovino sempre maggiore spazio e legittimazione da parte delle istituzioni, in Italia come in Europa, timorose di perdere il controllo sociale a fronte del continuo peggioramento delle condizioni di vita delle masse.

Emilio siamo tutti con te!

Con i compagni del CSA Dordoni!

Fascisti e padroni, pagherete caro! Pagherete tutto!

MARTEDI’ 20 GENNAIO ORE 17

PRESIDIO ANTIFASCISTA

PIAZZALE STAZIONE A PADOVA

 

Le compagne e i compagni di Padova

Mensa Marzolo Occupata

Collettivo Politico Gramigna

Centro di Documentazione Comandante Giacca

Comitato di lotta per la casa

Radiazione.info

Tag:,
gennaio 20th, 2015 at 01:27

Sabato 24 gennaio: MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANTIFASCISTA a Cremona!

antifaPubblichiamo l’appello per la manifestazione antifascista a carattere nazionale che si terrà a Cremona sabato 24 gennaio dopo i gravissimi fatti di ieri pomeriggio. Inoltre è stata convocata per la giornata di oggi (19 – 01) una mobilitazione diffusa nei territori per esprimere vicinanza e solidarietà ad Emilio.

Emilio, un compagno di tante lotte e tante battaglie, è in ospedale in coma farmacologico con una emorragia cerebrale estesa a causa di un assalto squadrista al centro sociale Dordoni di Cremona.

L’attacco premeditato e scientificamente organizzato dai fascisti di CasaPound cremonesi, in combutta con altri militanti di estrema destra provenienti da fuori città, ha trovato una risposta determinata da parte dei compagni presenti nel centro sociale, ma purtroppo Emilio è stato colpito alla testa da diverse sprangate.

I fascisti si sono accaniti sopra ad Emilio fino a quando è stato portato in sicurezza all’interno del centro sociale; è stata, tuttavia, immediatamente chiara la gravità del suo stato di salute.

Infame è stato il comportamento della polizia che ha semplicemente identificato gli assaltatori e successivamente, per permettere loro di andarsene indisturbati, ha violentemente caricato il presidio di antifascist* radunatesi sul posto.

Per esprime totale vicinanza e solidarietà con Emilio è stata indetta:

Lunedì 19 gennaio una giornata nazionale di mobilitazione diffusa nei territori

Contro squadristi, polizia e istituzioni conniventi:

Sabato 24 gennaio un corteo nazionale antifascista, determinato, autodifeso e militante con la parola d’ordine: chiudere subito tutte le sedi fasciste!

Pagherete caro! Pagherete tutto!

Tag:
gennaio 15th, 2015 at 09:54

Noi non siamo Charlie, noi siamo Resistenti!

Riceviamo e pubblichiamo qui sotto delle riflessioni scritte dai compagn@ della mensa Marzolo Occupata sull’attacco al giornale satirico francese di mercoledì scorso, 7 gennaio. 

 

A Padova non c’è posto per chi non ha rispetto della vita umana, della fratellanza e della pace”.

Con queste parole, il sindaco leghista Bitonci ha commentato l’attacco alla sede del giornale settimanale satirico Charlie Hebdo di mercoledì 7 gennaio a Parigi, portato avanti da tre africani di nazionalità francese e nel quale sono morte 12 persone.

Proprio lui che ha fatto della repressione contro gli immigrati, i deboli e gli emarginati la propria priorità, Leggi »

Tag:, , , , ,
dicembre 29th, 2014 at 12:10

Capodanno al carcere Due Palazzi – Padova Contro le provocazioni di giunta e questura, rilanciamo la lotta e la solidarietà!

Capodanno 2013 Due Palazzi Padova

Riceviamo e pubblichiamo l’invito delle compagne di Scatenati al presidio sotto al carcere Due Palazzi di Padova per la notte di capodanno

Anche quest’anno, come compagni e compagne di Padova, abbiamo deciso di tornare al carcere Due Palazzi per festeggiare l’ultimo dell’anno con un presidio di lotta e solidarietà ai detenuti reclusi, per lo più giovanissimi ragazzi immigrati di origine nordafricana. Un modo per stare al fianco di chi è costretto tra le sbarre e per portare un po’ di calore oltre quelle mura con interventi al microfono, musica e fuochi d’artificio allo scoccare della mezzanotte. Sappiamo bene che all’interno del Due Palazzi, così come nel resto delle carceri italiane, le condizioni detentive sono pessime: sovraffollamento, trattamenti punitivi e differenziazione sono soltanto alcuni aspetti che caratterizzano la quotidianità delle prigioni. Leggi »

  • EVENTI

  • 30 ANNI DI CARCERE E DI RESISTENZA!

  • LA BRECCIA N3

  • Ciao compagno Alfredo!